Connect with us

Sport

Juventus, ancora guai: Fagioli indagato per scommesse su piattaforme illegali

Il centrocampista bianconero rischia tanto: possibile anche una squalifica che può arrivare fino a tre anni o più

Pubblicato

il

Non c’è pace per la Juventus, per l’ennesima vicenda extracalcistica che coinvolge il club bianconero. Il centrocampista Nicolò Fagioli, classe 2001, è indagato dalla Procura di Torino perché avrebbe scommesso su piattaforme illegali.

La cosa è chiaramente vietata dall’articolo 24 del Codice di giustizia sportiva. Se fosse dimostrata, ci sarebbe minimo una inibizione, fino ad una squalifica che può arrivare fino a tre anni o più. A questo si aggiungerebbe una multa dai 25mila euro in su.

Il gioco d’azzardo non è un reato (è però proibito se le giocate sono piazzate presso allibratori non autorizzati dallo Stato italiano, ndr), ma l’articolo in questione esplicita il divieto “ai soggetti dell’ordinamento federale, ai dirigenti, ai soci e ai tesserati delle società appartenenti al settore professionistico di effettuare o accettare scommesse, direttamente o indirettamente, anche presso soggetti autorizzati a riceverle, che abbiano ad oggetto risultati relativi ad incontri ufficiali organizzati nell’ambito della Figc, della FIfa e della Uefa”.

🟢 LA “CARICA” DEI 400MILA: seguici su FACEBOOK! 📲

L’indagine della Procura di Torino che fa capo al pubblico ministero Manuela Pedrotta, come riporta La Stampa, va avanti ormai da mesi e del procedimento è a conoscenza anche la Procura della Figc, a cui la segnalazione è stata inviata dai legali dello stesso giocatore juventino lo scorso 30 agosto. Ora si tratterà di accertare se Fagioli abbia davvero scommesso e soprattutto su cosa e da queste risposte potrebbe anche dipendere il suo futuro da professionista.

🖋 CONTINUA A LEGGERE su Teleone.it

🎥 GUARDA TUTTI I VIDEO! – CLICCA QUI 📲

💪 I più cliccati negli ultimi giorni

Advertisement
commerciale teleone it
italpress banner

aereo aeroporto aggressione Agrigento altavilla ambulanza arresti arresto ars auto autostrada Bagheria caldo Caltanissetta cane carabinieri carcere Catania Civico Corini cronaca droga enna Etna feriti ferito gela guardia di finanza immigrazione incendi incendio incidente incidente mortale Lampedusa mafia maltempo Marsala Messina Messina Denaro meteo meteo sicilia migranti Milano Napoli omicidio oroscopo ospedale Palermo Palermo calcio palermo fc polizia Ponte sullo Stretto Ragusa rapina Regione roma Salvini schifani scuola Serie B sesso sicilia Siracusa social stupro stupro Palermo Taormina Termini Imerese terremoto tiktok trapani vetrina video vigili del fuoco Villa Sofia violenza violenza sessuale viral video

Di tendenza