Connect with us

Cronaca

Stragi ’92, legale Messina Denaro chiede l’assoluzione, lui non si presenta

Le parole dell’avvocato d’ufficio di Messina Denaro nel processo sulle stragi del ’92: “Non c’è prova della sua colpevolezza”

Pubblicato

il

“Non ci sono prove sul concorso di Matteo Messina Denaro negli attentati di Capaci e via D’Amelio”. Queste alcune delle dichiarazioni dell’avvocato difensore d’ufficio del boss mafioso, a conclusione dell’arringa difensiva nel processo in corte d’Assise d’Appello a Caltanissetta sulle stragi del ’92. Nel processo, in cui la difesa chiede l’assoluzione, Messina Denaro è accusato di essere il mandante dei due attentati.

“Sulla scorta delle dichiarazioni dei collaboratori di giustizia, nonché delle sentenze irrevocabili acquisite nel corso dell’istruttoria dibattimentale, emerge l’assoluta incertezza dell’effettivo ruolo che Matteo Messina Denaro rivestiva all’interno della compagine mafiosa trapanese”, ha spiegato Adriana Vella, il legale d’ufficio.

🟢 LA “CARICA” DEI 400MILA: seguici su FACEBOOK! 📲

L’avvocato ha poi sottolineato la “mancanza anche solo di elementi indiziari gravi precisi e concordanti in merito alla partecipazione dell’imputato in seno alle riunioni in cui fu deliberato il piano stragista”.

L’udienza è stata rinviata alle 9.30 del 19 luglio, nell’aula Costa del Tribunale di Caltanissetta. “Non vi è prova – ha inoltre spiegato Vella – che l’imputato abbia fornito uomini per il compimento delle due stragi, né l’esplosivo utilizzato per il compimento delle stesse, né ancora supporto logistico sempre a tali fini”.

E intanto, nemmeno per l’udienza di oggi il boss s’è presentato. La sedia della postazione di videocollegamento dal carcere de L’Aquila, dove l’ex superlatitante è detenuto, anche questa volta è rimasta vuota. Messina Denaro in primo grado era stato condannato all’ergastolo.

🖋 CONTINUA A LEGGERE su teleone.it

🎥 GUARDA TUTTI I VIDEO! – CLICCA QUI 📲

💪 I più cliccati negli ultimi giorni

Advertisement
commerciale teleone it
italpress banner

aereo aeroporto aggressione Agrigento altavilla ambulanza amore arresti arresto ars auto autostrada Bagheria caldo Caltanissetta cane carabinieri carcere Catania Corini cronaca droga enna feriti ferito gela guardia di finanza immigrazione incendi incendio incidente incidente mortale indagini Lampedusa mafia maltempo Marsala Messina Messina Denaro meteo meteo sicilia migranti Milano Napoli omicidio oroscopo ospedale Palermo Palermo calcio palermo fc polizia Ponte sullo Stretto Ragusa rapina Regione roma Salvini schifani scuola Serie B sesso sicilia Siracusa social stupro stupro Palermo Taormina Termini Imerese terremoto tiktok trapani vetrina video vigili del fuoco Villa Sofia violenza violenza sessuale viral video

Di tendenza