Connect with us

Cronaca

Mafia, la procura chiede 13 anni per il “postino” di Messina Denaro

Emerse nel corso delle indagini nuove prove a carico dell’operaio comunale di Campobello di Mazara: i dettagli

Pubblicato

il

Matteo Messina Denaro

Chiesta una condanna a 13 anni per Andrea Bonafede, il cugino e omonimo dell’alter ego del boss mafioso Matteo Messina Denaro. L’accusa, con la richiesta della procura di Palermo, è quella di associazione mafiosa. Inizialmente l’imputazione era di favoreggiamento aggravato, ma nel corso delle indagini, con l’emergere di nuove prove a carico dell’operaio comunale di Campobello di Mazara, i pm Gianluca De Leo e Piero Padova l’hanno modificata aggravandola.

Oltre a fare da “postino” facendo avere all’ex latitante prescrizioni e ricette compilate dal medico Alfonso Tumbarello, Bonafede avrebbe anche “assicurato al capomafia una assistenza continua”.

L’operaio, nipote del boss del paese Leonardo Bonafede, si è sempre difeso sostenendo di aver consegnato i documenti al cugino che aveva prestato l’identità a Messina Denaro ritenendo che fosse lui il paziente e non il latitante.

🟢 LA “CARICA” DEI 400MILA: seguici su FACEBOOK! 📲

Dalle indagini, però, è emerso che almeno in due occasioni, nel novembre del 2020, Bonafede avrebbe attivato due sim per il cellulare che, secondo i magistrati, sarebbero state in realtà utilizzate dall’allora latitante.

🖋 CONTINUA A LEGGERE su Teleone.it

🎥 GUARDA TUTTI I VIDEO! – CLICCA QUI 📲

💪 I più cliccati negli ultimi giorni

Advertisement
commerciale teleone it
italpress banner

aereo aeroporto aggressione Agrigento ambulanza arresti arresto ars auto Bagheria calcio caldo Caltanissetta cane carabinieri carcere Castelvetrano Catania cocaina Corini cronaca droga enna feriti ferito gela guardia di finanza immigrazione incendi incendio inchiesta incidente incidente mortale Lampedusa mafia malore maltempo Marsala Messina Messina Denaro meteo meteo sicilia migranti Milano Napoli omicidio oroscopo ospedale Palermo Palermo calcio palermo fc polizia Ponte sullo Stretto Ragusa rapina Regione rissa roma Salvini schifani scuola Serie B sicilia Siracusa social stupro stupro Palermo Termini Imerese terremoto tiktok trapani vetrina video vigili del fuoco Villa Sofia violenza violenza sessuale viral video

Di tendenza