Connect with us

Cronaca

Migranti, altro giudice di Catania dice “no” al trattenimento di 6 migranti

Argomentazioni simili a quelle della giudice Apostolico, al centro della polemica politica per a una protesta al porto di Catania nel 2018

Pubblicato

il

E sono due. Ancora una volta, il tribunale di Catania non convalida il trattenimento di sei migranti tunisini arrivati nel centro di Pozzallo, disposto dal questore di Ragusa, Vincenzo Trombadore.

Il provvedimento è stato adottato dal giudice Rosario Cupri, un collega del giudice Iolanda Apostolico del 29 settembre che ha rigettato un’analoga richiesta nei confronti di quattro tunisini ospiti nel centro di accoglienza. La giudice è ancora al centro della polemica politica scatenata dalla partecipazione a una protesta al porto di Catania nel 2018.

Sconfessato, dunque, per la seconda volta, il decreto del governo Meloni. I migranti erano sbarcati a Lampedusa appena qualche giorno fa. Era il 3 ottobre, e i migranti erano assistiti tre dall’avvocato Rosa Emanuela Lo Faro e altri tre dall’avvocato Fabio Presenti. “Avevano richiesto asilo già a Lampedusa”, ha detto alla Tgr Sicilia l’avvocato Lo Faro. I sei distinti provvedimenti del giudice Rosario Cupri, secondo quanto si apprende, sono sostanzialmente sovrapponibili tra loro per la similitudine dei casi.

🟢 LA “CARICA” DEI 400MILA: seguici su FACEBOOK! 📲

Nel caso specifico il giudice sottolinea, ricordando una decisione della Corte di giustizia dell’Ue, come “il trattenimento di un richiedente protezione internazionale” costituisca “una misura coercitiva che priva tale richiedente della sua libertà di circolazione e lo isola dal resto della popolazione, imponendogli di soggiornare in modo permanente in un perimetro circoscritto e ristretto”.

Il Tribunale sottolinea che “la richiesta di protezione internazionale non è soggetta ad alcuna formula sacramentale” e che nel caso del 37enne tunisino la sua domanda “doveva essere esaminata al suo ingresso alla frontiera di Lampedusa” e la sua richiesta “sottoscritta a Ragusa non può essere trattata come procedura di frontiera”. Le argomentazioni di Cupri, commenta l’avvocato Lo Faro, sono analoghe a quelle già proposte nel suo provvedimento dal giudice Apostolico.

🖋 CONTINUA A LEGGERE su Teleone.it

🎥 GUARDA TUTTI I VIDEO! – CLICCA QUI 📲

💪 I più cliccati negli ultimi giorni

Advertisement
commerciale teleone it
italpress banner

aereo aeroporto aggressione Agrigento altavilla ambulanza arresti arresto ars auto autostrada Bagheria calcio caldo Caltanissetta cane carabinieri carcere Catania Civico Corini cronaca droga enna feriti ferito gela guardia di finanza immigrazione incendi incendio incidente incidente mortale Lampedusa mafia maltempo Marsala Messina Messina Denaro meteo meteo sicilia migranti Milano Napoli omicidio oroscopo ospedale Palermo Palermo calcio palermo fc polizia Ponte sullo Stretto Ragusa rapina Regione roma Salvini schifani scuola Serie B sesso sicilia Siracusa social stupro stupro Palermo Taormina Termini Imerese terremoto tiktok trapani vetrina video vigili del fuoco Villa Sofia violenza violenza sessuale viral video

Di tendenza