Connect with us

Cronaca

Un caricabatterie per cellulare può causare una folgorazione? Ecco cosa bisogna sapere

La 16enne morta folgorata dal cellulare nella vasca da bagno: è davvero possibile? Il ruolo dei caricabatterie: cosa c’è da sapere

Pubblicato

il

La morte della giovanissima Maria Antonietta Cutillo ha nuovamente acceso i riflettori sui pericoli ed i rischi di un non corretto utilizzo dei più moderni apparati tecnologici. Nella provincia di Avellino, in particolare, la ragazzina di 16 anni, (LEGGI cosa è successo), ha perso la vita folgorata a causa di una caduta dello smartphone all’interno della vasca da bagno, nella quale la giovane si trovava. Ma è davvero altamente probabile una scarica elettrica mortale, da uno smartphone collegato alla presa elettrica?
LEGGI ANCHE: Lo smartphone nella vasca, Maria Antonietta muore folgorata a 16 anni
“Nessun malore, Maria Antonietta morta per la scossa dal cellulare”: autopsia conferma

Partendo proprio da uno dei casi più ricorrenti, e che ha riguardato proprio la giovanissima Maria Antonietta. “Se uno smartphone cadesse in acqua mentre si sta facendo il bagno non succederebbe assolutamente nulla“. Riportiamo la spiegazione degli esperti de ilsoftware.it “Ovviamente lo smartphone (nel caso in cui non vantasse una certificazione IPX7 o IPX8) potrebbe risultare danneggiato ma non vi sarebbero problemi in termini di sicurezza. Com’è evidente, in uno smartphone non ci sono cavi a 220V che percorrono l’intera struttura del telefono”.

🟢 LA “CARICA” DEI 400MILA: seguici su FACEBOOK! 📲

E per ciò che riguarda i caricabatterie? I caricabatterie sono dispositivi che variano i parametri elettrici (tensione e intensità di corrente) da una rete primaria a una secondaria.

I caricabatterie comunemente utilizzabili per alimentare smartphone e tablet sono adattatori AC/DC: la tensione in ingresso (ad esempio 230 V a 5 V) viene trasformata convertendo dapprima la corrente elettrica alternata sul circuito primario in un flusso elettromagnetico che viene poi convertito in un flusso elettrico ancora una volta alternato sul circuito secondario (ad esempio 5 V).

L’uscita di un caricabatterie per smartphone è quindi solitamente pari a 5V. “Anche toccando le uscite a 5V con le mani bagnate, anche in acqua salata o insaponata, è praticamente impossibile – sottolinea il sito – riuscire a rilevare tale minima differenza di potenziale”.

“In tanti incidenti che si sono verificati in Paesi poco sviluppati o in aree nelle quali vengono utilizzati impianti elettrici fatiscenti, situazioni che hanno portato a fenomeni di elettrocuzione si sono verificati in seguito all’utilizzo di prolunghe e “ciabatte” cadute in acqua. In questi frangenti l’assenza di un interruttore differenziale sull’impianto ha portato al verificarsi di eventi drammatici”.

In Italia è obbligatorio che ciascun impianto elettrico sia dotato di una dichiarazione di conformità: anche nel caso delle installazioni preesistenti, realizzate prima del 13 marzo 1990, è imposta per legge – da decenni – l’installazione di un interruttore differenziale.

Tale dispositivo, com’è noto, offre protezione a tutela della salute umana in caso di guasto verso terra (dispersione elettrica) o folgorazione fase-terra, fornendo dunque protezione anche verso macroshock elettrico, sia diretto sia indiretto. Per non parlare dei magnetotermici che interrompono il flusso della corrente in caso di guasto o folgorazione.

Mai comunque portare dispositivi elettrici o elettronici in bagno o in aree a contatto con l’acqua; fondamentale, inoltre, assicurarsi di tenere lontane multiprese e cavi di prolunga.

Tragedie ricorrenti in Paesi dell’estremo oriente e del sud est asiatico dovrebbero far riflettere sulla situazione in cui versano gli impianti elettrici in alcune aree del globo, soprattutto nelle zone più povere e nelle aree dove gli organi di controllo non svolgono affatto il loro lavoro.

E i casi di folgorazione in cui l’acqua non è protagonista ma il malcapitato utilizza solo un caricabatterie collegato alla presa elettrica a muro?
Si tratta delle situazioni da soppesare con la massima attenzione separando le fake news dai tragici eventi realmente accaduti”.

“In caso di folgorazione – prosegue la spiegazione – il problema, però, non è riconducibile agli smartphone in sé quanto alla qualità e allo stato dei caricabatterie utilizzati oltre che alla pessima configurazione – come evidenziato in precedenza – dell’impianto elettrico a monte.

I caricabatterie di “provenienza dubbia” non utilizzano un isolamento adeguato e in caso di guasti, deformazioni o modificazioni (anche in seguito a usura o utilizzi maldestri), la metà del circuito ad alta tensione potrebbe malauguratamente venire in contatto con il circuito in uscita.

Il caricabatterie danneggiato può causare una folgorazione? Già nel 2014 Ken Shirriff aveva messo in guardia gli utenti dall’utilizzare caricabatterie eccessivamente economici e non in grado di offrire garanzie. Il dettagliato post di Shirriff contiene le spiegazioni per gli incidenti come quello a cui abbiamo fatto riferimento in apertura”.

“Nel caso di un caricabatterie per Apple iPad contraffatto, preso in esame da Shirriff, l’ingegnere osserva che “la distanza tra i circuiti ad alta e bassa tensione è spaventosa: solo 0,6 millimetri separano l’uno dall’altra. (…) Nel caso in cui utilizzaste il caricabatterie in un bagno umido e una goccia d’acqua dovesse fare un po’ di condensa, lo spazio di appena 0,6 millimetri verrebbe meno con tutti i rischi di folgorazione che ne conseguono”. Basti pensare che in un caricabatterie originale la distanza tra i due circuiti è dell’ordine dei 5,6 millimetri.

Massima attenzione quindi alla qualità dei caricabatterie utilizzati e allo stato dei cavi di collegamento: da evitare sempre i caricabatterie troppo economici e i prodotti provenienti da venditori pressoché sconosciuti”. 🖋 CONTINUA A LEGGERE su teleone.it

🎥 GUARDA TUTTI I VIDEO! – CLICCA QUI 📲

💪 I più cliccati negli ultimi giorni

Advertisement
commerciale teleone it
italpress banner

aereo aeroporto aggressione Agrigento altavilla ambulanza arresti arresto ars auto autostrada Bagheria caldo Caltanissetta cane carabinieri carcere Catania Civico Corini cronaca droga enna Etna feriti ferito gela guardia di finanza immigrazione incendi incendio incidente incidente mortale Lampedusa mafia maltempo Marsala Messina Messina Denaro meteo meteo sicilia migranti Milano Napoli omicidio oroscopo ospedale Palermo Palermo calcio palermo fc polizia Ponte sullo Stretto Ragusa rapina Regione roma Salvini schifani scuola Serie B sesso sicilia Siracusa social stupro stupro Palermo Taormina Termini Imerese terremoto tiktok trapani vetrina video vigili del fuoco Villa Sofia violenza violenza sessuale viral video

Di tendenza