Connect with us

Outside

Mette incinta tre dipendenti in un anno: non vuole riconoscere figli, finisce in tribunale

Il caso di un uomo che mette incinta tre dipendenti della propria attività in meno di un anno: ora finisce in tribunale

Pubblicato

il

Gli è bastato appena un anno: nell’arco di appena trecento giorni ha messo incinta tre collaboratrici diverse della propria attività. Ma, adesso, chiamato all'”appello”, rifiuta di riconoscere la paternità dei tre figli.

Per questa ragione un imprenditore che ha 32 anni finisce in tribunale. Il processo civile inizierà a Cassino fra qualche mese, e come imputato ci sarà il piccolo imprenditore di Sora. Nella cittadina in provincia di Frosinone, l’uomo dovrà comparire in tribunale per riconoscere la paternità del primo nato.

Il caso si è sviluppato nella “Campoli soccorso”, che è una società che collabora con la Asl di Frosinone, e che conta su una trentina di dipendenti dislocati su tre postazioni, ovvero Latina, Roma e Campoli. Mario, che ha 32 anni, è stato chiamato a gestire la attività, ma nel frattempo ha gestito anche… tre relazioni diverse. Una delle dipendenti è rimasta incinta, ma la relazione con l’uomo è subito naufragata, perché l’imprenditore la ha lasciata per un’altra impegata. Ed anche lei, la seconda, è rimasta incinta.

I due bimbi, per la cronaca, come racconta il Corriere, sono nati a distanza di pochi mesi l’uno dall’altro, fra gennaio e giugno. Ma l’uomo, il datore di lavoro, non ha voluto sottoporsi al test del Dna, nè contribuire agli alimenti. Anzi, nel frattempo, ha deciso di legarsi ad un’altra dipendente. Ed anche la terza, alla fine, è rimasta incinta: il figlio, in questo caso, nascerà intorno al mese di ottobre.

Al tribunale è andata a rivolgersi la donna che ha avuto con il 32enne la prima relazione. Vuole riconosciuti i diritti del figlio, la paternità. E poi, si è rivolta alle altre due. Nulla di strano se anche le altre dipendenti vadano a “bussare” in tribunale.

Advertisement
commerciale teleone it
italpress banner

aereo aeroporto aggressione Agrigento altavilla ambulanza amore arresti arresto ars auto autostrada Bagheria caldo Caltanissetta cane carabinieri carcere Catania Corini cronaca droga enna feriti ferito gela guardia di finanza immigrazione incendi incendio incidente incidente mortale indagini Lampedusa mafia maltempo Marsala Messina Messina Denaro meteo meteo sicilia migranti Milano Napoli omicidio oroscopo ospedale Palermo Palermo calcio palermo fc polizia Ponte sullo Stretto Ragusa rapina Regione roma Salvini schifani scuola Serie B sesso sicilia Siracusa social stupro stupro Palermo Taormina Termini Imerese terremoto tiktok trapani vetrina video vigili del fuoco Villa Sofia violenza violenza sessuale viral video

Di tendenza