Connect with us

News e Focus

Pasqua, Papa Francesco: “Non restiamo impotenti di fronte al male e alla guerra”

Notte di Pasqua, Papa Francesco: “Dobbiamo andare avanti, non restare paralizzati di fronte al male, alle guerre, alla corruzione”

Pubblicato

il

“A volte l’uomo si sente “impotente” e “paralizzato” di fronte al male, alle guerre, alla corruzione. E invece la Pasqua ci spinge “ad andare avanti” perché Cristo con la sua resurrezione ha cambiato la storia”. Allora, “ricorda e cammina”: è l’invito del Papa nella notte di Pasqua.

Ricorda “il primo amore”, “la tua Galilea”, ovvero il momento nel quale hai incontrato Dio. E cammina per andare avanti e non restare immobile e senza speranza. Il Papa è arrivato ieri sera nella basilica vaticana, dove erano presenti ottomila fedeli, sulla sedia a rotelle. La voce è apparsa a tratti affaticata. Per lui era una settimana particolarmente impegnativa, con le diverse celebrazioni del triduo pasquale, impegno che ha portato avanti nonostante il recente ricovero al Gemelli per una infezione respiratoria, fatta eccezione per la Via Crucis alla quale ha dovuto rinunciare a causa del freddo.

A volte “ci siamo sentiti impotenti e scoraggiati dinanzi al potere del male, ai conflitti che lacerano le relazioni, alle logiche del calcolo e dell’indifferenza che sembrano governare la società, al cancro della corruzione, ce n’è tanta, al dilagare dell’ingiustizia, ai venti gelidi della guerra”, ha detto il Papa nell’omelia.

Sottolineando, poi, che invece, come accadde per le donne che annunciarono la resurrezione di Cristo, “la Pasqua del Signore ci spinge ad andare avanti, a uscire dal senso di sconfitta, a rotolare via la pietra dei sepolcri in cui spesso confiniamo la speranza, a guardare con fiducia al futuro, perché Cristo è risorto e ha cambiato la direzione della storia”.

“Oggi la forza di Pasqua invita a rotolare via i massi della delusione e della sfiducia; il Signore, esperto nel ribaltare le pietre tombali del peccato e della paura, vuole illuminare la tua memoria santa, il tuo ricordo più bello, rendere attuale il primo incontro con Lui. Ricorda e cammina: ritorna a Lui, ritrova la grazia della risurrezione di Dio in te!”, ha concluso il Papa. Nel corso della celebrazione il Papa battezza otto adulti: provenienti da Albania, Stati Uniti d’America, Nigeria, Italia e Venezuela. Oggi il Papa tornerà in Piazza San Pietro per la Messa. Poi pronuncerà dalla Loggia delle benedizioni il tradizionale messaggio ‘Urbi et Orbi’ nel quale è atteso un nuovo appello per la pace, considerate le tensioni che stanno aumentando in queste ore in tanti angoli del pianeta, dall’Ucraina alla Terra Santa.

Advertisement
commerciale teleone it
italpress banner

aereo aeroporto aggressione Agrigento altavilla ambulanza arresti arresto ars auto autostrada Bagheria calcio caldo Caltanissetta cane carabinieri carcere Catania Civico Corini cronaca droga enna feriti ferito gela guardia di finanza immigrazione incendi incendio incidente incidente mortale Lampedusa mafia maltempo Marsala Messina Messina Denaro meteo meteo sicilia migranti Milano Napoli omicidio oroscopo ospedale Palermo Palermo calcio palermo fc polizia Ponte sullo Stretto Ragusa rapina Regione roma Salvini schifani scuola Serie B sesso sicilia Siracusa social stupro stupro Palermo Taormina Termini Imerese terremoto tiktok trapani vetrina video vigili del fuoco Villa Sofia violenza violenza sessuale viral video

Di tendenza