Connect with us

Cultura e Spettacoli

Turismo, anche in Sicilia una Pasqua da “tutto esaurito”: pienone di turisti

Numeri da record per la prima metà del mese di aprile: Turismo, anche in Sicilia una Pasqua da “tutto esaurito”

Pubblicato

il

Anche in Sicilia si tratterà, dal punto di vista turistico, di una Pasqua da record. Sono migliaia i vacanzieri, provenienti dall’estero, che toccano cifre altissime per la prima metà di aprile.

A prevederlo è un’indagine condotta da Cna Turismo e Commercio tra gli iscritti all’associazione di tutta Italia. Nel complesso saranno 3 milioni i turisti che pernotteranno perlomeno una notte in strutture alberghiere o extra alberghiere. Con il risultato di raggiungere, se non addirittura superare, i livelli del 2019, ultima stagione prima dell’epidemia di Covid.

Oltre 2 milioni saranno gli italiani, intorno al milione gli stranieri. Per un movimento economico complessivo che raggiungerà i 4 miliardi di euro, escluso ovviamente l’apporto degli escursionisti domestici, che limiteranno la loro vacanza a una di gita di un solo giorno, e di quanti si recheranno nelle seconde case. I

Paesi di origine dai quali stanno affluendo in Italia in maggior numero i turisti stranieri sono, per quanto riguarda l’Europa, la Francia, la Germania, il Regno Unito, la Spagna e l’Olanda, per quanto riguarda gli altri continenti, gli Stati Uniti d’America, il Canada, il Giappone, il resto dell’Asia e in genere l’area mediterranea e mediorientale.

Grazie soprattutto al contributo dell’afflusso estero le città e i borghi d’arte sono destinati a vivere un momento eccellente. Tra le città a primeggiare come meta attrattiva saranno Venezia, Roma, Milano, Firenze, Napoli. In grande spolvero anche Torino e Palermo, Catania e Verona, Genova e Ravenna.

Ma la voglia di bello non si fermerà alle città. I vacanzieri quest’anno scopriranno zone inedite e batteranno centri urbani e piccoli centri di Marche, Umbria, Abruzzo, Basilicata, Molise. La natura a sua volta si ritaglierà il proprio spazio con il mare di Puglia, Calabria, Sicilia, Sardegna o le montagne dell’arco alpino. A trainare il turismo nelle aree di solito meno battute, oltre a tante attrazioni – artistiche, naturalistiche, agro-alimentari, artigianali – le attività esperienziali, quelle cioè in cui letteralmente ci si sporca le mani scoprendo o riscoprendo il valore della manualità.

I più letti negli ultimi giorni

Advertisement
commerciale teleone it
italpress banner

aereo aeroporto aggressione Agrigento ambulanza arresti arresto ars auto Bagheria calcio caldo Caltanissetta cane carabinieri carcere Castelvetrano Catania cocaina Corini cronaca droga enna feriti ferito gela guardia di finanza immigrazione incendi incendio inchiesta incidente incidente mortale Lampedusa mafia malore maltempo Marsala Messina Messina Denaro meteo meteo sicilia migranti Milano Napoli omicidio oroscopo ospedale Palermo Palermo calcio palermo fc polizia Ponte sullo Stretto Ragusa rapina Regione rissa roma Salvini schifani scuola Serie B sicilia Siracusa social stupro stupro Palermo Termini Imerese terremoto tiktok trapani vetrina video vigili del fuoco Villa Sofia violenza violenza sessuale viral video

Di tendenza