Connect with us

Cronaca

“Sesso al 41bis, mia moglie nascosta…”: carcere duro, il boss Graviano e le intercettazioni

Intercettazioni dell’ex boss Giuseppe Graviano: “Al 41bis mia moglie nascosta, e guardie distratte, così è nato nostro figlio”

Pubblicato

il

Le intercettazioni vengono mandate in onda nel corso di “Non è l’arena”, trasmissione di Massimo Giletti. Giuseppe Graviano, ex boss del mandamento palermitano di Brancaccio, avrebbe concepito un figlio mentre era già in regime di carcere duro.

“I giorni in cui sapevo che lei doveva venire – diceva in merito alla moglie, che è riuscita ad aggirare il 41 bis – tremavo. Ad un certo punto era nascosta nella biancheria. Dormivamo nella cella insieme, cose da pazzi”.

“Mi sentivo solo, tremavo. Quando ci sono riuscito ed è uscita incinta, mi è finito quel tremolizzo”, spiegava poi Graviano. Che evidenziava che la cosa importante era “lasciare la prole perché il proprio Dna cammini e io ho fatto tutto il possibile”.

Il boss spiegava, come raccontato nell’udienza del processo “‘ndrangheta stragista”, di avere approfittato di “un attimo di distrazione degli agenti del Gom. Sulla procedura di concepimento mi istruì un ginecologo che non posso certo nominare”.

“Non racconterò mai a nessuno – sottolineava Graviano – come ho concepito mio figlio mentre ero al carcere duro, perché sono cose intime mie. Dico solo che non ho fatto niente di illecito, ci sono riuscito ringraziando anche Dio e sono rimasto soddisfatto. Non ho chiesto alcuna autorizzazione, ma ho approfittato della distrazione degli agenti del Gom… A mia moglie dicevo dal carcere di farsi la sua vita. Invece lei è voluta restare con me e così le dissi di preparare i documenti e di sposarci. E ci siamo sposati”. (foto archivio)

I più letti negli ultimi giorni

Advertisement
commerciale teleone it
italpress banner

aereo aeroporto aggressione Agrigento altavilla ambulanza arresti arresto ars auto autostrada Bagheria calcio caldo Caltanissetta cane carabinieri carcere Castelvetrano Catania Civico Corini cronaca droga enna feriti ferito gela guardia di finanza immigrazione incendi incendio incidente incidente mortale Lampedusa mafia malore maltempo Marsala Messina Messina Denaro meteo meteo sicilia migranti Milano Napoli omicidio oroscopo ospedale Palermo Palermo calcio palermo fc polizia Ponte sullo Stretto Ragusa rapina Regione roma Salvini schifani scuola Serie B sicilia Siracusa social stupro stupro Palermo Termini Imerese terremoto tiktok trapani vetrina video vigili del fuoco Villa Sofia violenza violenza sessuale viral video

Di tendenza