Connect with us

Cronaca

Diretta social “neomelodica” e calci agli agenti in commissariato: arrestato 23enne

Sottofondo musicale neomelodico e diretta social dal commissariato di Comiso: poi insulta e colpisce agenti, 23enne viene arrestato

Pubblicato

il

Comiso commissariato

Aveva scelto la musica neomelodica come sottofondo per la sua “impresa”. Si era piazzato davanti al commissariato di Comiso, per una diretta sul proprio profilo sui social network. Ma qualcosa, poi, non è andato per il verso giusto. Un ragazzo di 23 anni, infatti, è stato arrestato per resistenza a pubblico ufficiale e lesioni aggravate.

Durante la propria “live”, il giovane si era messo ad “insultare” i simboli della polizia e tenuto – come hanno fatto sapere le forze dell’ordine – un atteggiamento di sfida alle istituzioni. Gli agenti sono poi intervenuti per bloccare la sua esibizione online, ma il 23enne ha reagito strattonando un poliziotto ed insultandolo.

Minacce, poi, anche per gli altri agenti, “scalciando per divincolarsi e colpendone alcuni – riportano le agenzie – procurando loro delle lesioni. Per questo è stato dichiarato in arresto in flagranza di reato per resistenza a pubblico ufficiale e lesioni aggravate”.

Il ragazzo era stato convocato per l’adempimento di obblighi di legge al commissariato di Comiso. Il Tribunale di Ragusa ha convalidato il provvedimento e disposto per il 23enne la misura cautelare dell’obbligo giornaliero di firma alla polizia giudiziaria

Advertisement
commerciale teleone it
italpress banner

aereo aeroporto aggressione Agrigento altavilla ambulanza amore arresti arresto ars auto autostrada Bagheria calcio caldo Caltanissetta cane carabinieri carcere Catania Civico Corini cronaca droga enna feriti ferito gela guardia di finanza immigrazione incendi incendio incidente incidente mortale Lampedusa mafia maltempo Marsala Messina Messina Denaro meteo meteo sicilia migranti Milano Napoli omicidio oroscopo ospedale Palermo Palermo calcio palermo fc polizia Ponte sullo Stretto Ragusa rapina Regione roma Salvini schifani scuola Serie B sesso sicilia Siracusa social stupro stupro Palermo Termini Imerese terremoto tiktok trapani vetrina video vigili del fuoco Villa Sofia violenza violenza sessuale viral video

Di tendenza