Connect with us

Cronaca

Ventisei anni fra carcere e domiciliari: il pentito Spatuzza torna in libertà

Torna in libertà il pentito Gaspare Spatuzza: 26 anni passati fra carcere e domiciliari

Pubblicato

il

Ventisei anni fra carcere e arresti domiciliari: il pentito mafioso Gaspare Spatuzza, 59 anni, ha ottenuto la liberazione condizionale.

Da due settimane Spatuzza, come riporta il Corriere della sera, non ha più i vincoli della detenzione domiciliare. A questa era stato sottoposto dal 2014, e da adesso, e per i prossimi cinque anni, dovrà osservare alcune prescrizioni.

Fra queste, quella di non frequentare in maniera “abituale” altri pregiudicati, oppure quella di non uscire dalla propria provincia (quella di abitazione) senza prima avere ottenuto autorizzazione. Il primo arresto era avvenuto nel 1997, ed era stato condannato all’ergastolo per le stragi.

La decisione di parlare con i magistrati era avvenuta dopo 11 anni di carcere: anche grazie alle sue parole fu mandato a processo per le stragi di Capaci e di via D’Amelio anche il boss Matteo Messina Denaro. Il procedimento è ancora in corso ala corte d’assise d’appello di Caltanissetta. La liberazione è giunta dopo che la Cassazione aveva annullato con rinvio (nell’aprile dello scorso anno) l’ordinanza del Tribunale di Sorveglianza di Roma, che gli aveva negato la liberazione condizionale.

Advertisement
commerciale teleone it
italpress banner

aereo aeroporto aggressione Agrigento altavilla ambulanza amore arresti arresto ars auto autostrada Bagheria caldo Caltanissetta cane carabinieri carcere Catania Corini cronaca droga enna feriti ferito gela guardia di finanza immigrazione incendi incendio incidente incidente mortale indagini Lampedusa mafia maltempo Marsala Messina Messina Denaro meteo meteo sicilia migranti Milano Napoli omicidio oroscopo ospedale Palermo Palermo calcio palermo fc polizia Ponte sullo Stretto Ragusa rapina Regione roma Salvini schifani scuola Serie B sesso sicilia Siracusa social stupro stupro Palermo Taormina Termini Imerese terremoto tiktok trapani vetrina video vigili del fuoco Villa Sofia violenza violenza sessuale viral video

Di tendenza