Connect with us

Cronaca

È giallo sulla morte del 19enne Michele: agli amici avrebbe mostrato la pistola

Lanfranchi, con precedenti per droga e reati contro il patrimonio, mostra l’arma a una serata tra amici

Pubblicato

il

Michele Lanfranchi

La morte di Michele Lanfranchi, 19 anni, è avvolta nel mistero. Il giovane è stato trovato sabato notte a Messina con una pistola nella mano destra e un bossolo calibro 7.65 accanto al corpo. Il cadavere giaceva in una pozza di sangue sul marciapiede di via Michelangelo Rizzo, nel rione Giostra, noto per le attività criminali legate a spaccio di droga e racket delle estorsioni.

LEGGI ANCHE: Tragica scoperta a Messina: ragazzo di 19 anni trovato morto in strada

Gli agenti della polizia di Stato e un’ambulanza del 118 sono intervenuti prontamente, allertati dagli amici di Lanfranchi che avevano passato la serata con lui. I medici hanno potuto solo constatare il decesso del giovane, che avrebbe compiuto vent’anni a luglio, provocato da un proiettile che gli ha trafitto la giugulare.

Le indagini, coordinate dal sostituto procuratore Liliana Todaro e condotte dalla squadra mobile di Messina, esplorano tutte le possibilità. Le principali ipotesi sono due: un incidente, con un colpo partito accidentalmente mentre la pistola era nelle mani del ragazzo, o un omicidio legato a un possibile regolamento di conti negli ambienti criminali. Al momento, l’ipotesi di suicidio sembra essere la meno probabile.

💪 SIAMO ANCHE SU GOOGLE NEWS! Seguici cliccando QUI! 🖋

Lanfranchi, noto per precedenti di spaccio e reati contro il patrimonio, avrebbe mostrato con orgoglio una pistola durante una serata con amici. Tutti i presenti sono stati interrogati e sottoposti alla prova dello stub per verificare eventuali residui di polvere da sparo.

La vittima non sarebbe morta in strada, ma nell’abitazione di un amico nei pressi di via Michelangelo Rizzo, dove il cadavere è stato ritrovato. Decisive per chiarire le cause della morte saranno l’autopsia, già disposta dalla magistratura, e la perizia dattiloscopica e balistica sull’arma.

Le indagini proseguono per determinare se si sia trattato di un tragico incidente o di altro. Le forze dell’ordine stanno analizzando ogni dettaglio per ricostruire l’esatta dinamica degli eventi e trovare eventuali responsabili.

🖋 CONTINUA A LEGGERE su Teleone.it

🟢 LA “CARICA” DEI 500MILA: seguici su FACEBOOK! 📲

🎥 GUARDA TUTTI I VIDEO! – CLICCA QUI 📲

Advertisement
commerciale teleone it
italpress banner

Acireale aereo aeroporto aggressione Agrigento altavilla ambulanza arresti arresto ars auto autostrada Bagheria caldo Caltanissetta cane carabinieri carcere Catania Civico Corini cronaca droga enna Etna feriti ferito gela guardia di finanza immigrazione incendi incendio incidente incidente mortale Lampedusa mafia maltempo Marsala Messina Messina Denaro meteo meteo sicilia migranti Milano Napoli omicidio oroscopo ospedale Palermo Palermo calcio palermo fc polizia Ponte sullo Stretto Ragusa rapina Regione roma Salvini schifani scuola Serie B sicilia Siracusa social stupro stupro Palermo Taormina Termini Imerese terremoto tiktok trapani vetrina video vigili del fuoco Villa Sofia violenza violenza sessuale viral video

Di tendenza