Connect with us

Cronaca

Casteldaccia, gli operai non dovevano scendere: indagine per omicidio colposo

Gli sviluppi delle indagini sulla strage di Casteldaccia: ecco perchè gli operai erano senza mascherina

Pubblicato

il

Secondo il contratto, l’aspirazione dei liquami sarebbe dovuta avvenire dalla superficie, attraverso un autospurgo. Gli operai rimasti vittime del tragico incidente a Casteldaccia, duqnue, non avrebbero nemmeno dovuto scendere all’interno della stazione di sollevamento.

Questo quanto emerge dopo le prime informazioni trapelate in merito al contratto d’appalto con Amap, la municipalizzata che aveva dato alla loro ditta, la “Quadrifoglio group”, l’appalto dei lavori.

Anche per questa ragione si spiega il perché gli operai al lavoro a Casteldaccia non indossassero mascherine, e non avesse il gas alert. Tramite l’apparecchio sarebbe, infatti, stato possibile misurare la concentrazione dell’idrogeno solforato. Questo è stato il gas che li ha uccisi.

💪 SIAMO ANCHE SU GOOGLE NEWS! Seguici cliccando QUI! 🖋

Gli inquirenti lavorano dunque anche per capire i motivi che hanno spinto gli operai a scendere all’interno della stazione di sollevamento. Fra le ipotesi, quella che gli operai abbiano aperto una paratia che avrebbe dovuto rimanere chiusa. Sulla tragedia, la Procura di Termini Imerese – coordinata dal procuratore Ambrogio Cartosio – ha aperto una indagine, ancora a carico di ignoti, con l’ipotesi di omicidio colposo plurimo.

“Ho lavorato fino alle 10 nella vasca e tutto è filato liscio. Mi ha dato il cambio mio cugino Giuseppe Miraglia (una delle cinque vittime). Poi è successo qualcosa d’imprevisto”. Così si è espresso il 44enne Giovanni D’Aleo, uno degli operai scampati alla strage di Casteldaccia.

Secondo quanto emerso, durante la mattinata nel cantiere in cui si svolgeva la manutenzione della rete fognaria tutto sembrava filare liscio, con i lavori iniziati alle 8. Alle 10, gli operai si erano dati il cambio, con D’Aleo che si sarebbe allontanato. “Ho capito subito – ha poi aggiunto l’operaio – che era accaduto qualcosa di grave e ho dato l’allarme“.

🖋 CONTINUA A LEGGERE su Teleone.it

🟢 LA “CARICA” DEI 400MILA: seguici su FACEBOOK! 📲

🎥 GUARDA TUTTI I VIDEO! – CLICCA QUI 📲

💪 I più cliccati negli ultimi giorni

Advertisement
commerciale teleone it
italpress banner

aereo aeroporto aggressione Agrigento altavilla ambulanza amore arresti arresto ars auto autostrada Bagheria caldo Caltanissetta cane carabinieri carcere Catania Corini cronaca droga enna feriti ferito gela guardia di finanza immigrazione incendi incendio incidente incidente mortale indagini Lampedusa mafia maltempo Marsala Messina Messina Denaro meteo meteo sicilia migranti Milano Napoli omicidio oroscopo ospedale Palermo Palermo calcio palermo fc polizia Ponte sullo Stretto Ragusa rapina Regione roma Salvini schifani scuola Serie B sesso sicilia Siracusa social stupro stupro Palermo Taormina Termini Imerese terremoto tiktok trapani vetrina video vigili del fuoco Villa Sofia violenza violenza sessuale viral video

Di tendenza