Connect with us

Outside

Si finge studentessa, “sceglie” una prof e la uccide con 100 coltellate

Dopo l’omicidio, commesso con circa 100 coltellate, ha anche smembrato il corpo e gettato i resti in un parco

Pubblicato

il

Per i fatti in questione, un intero Paese è rimasto sotto shock. La vicenda ha dell’incredibile, in Corea del Sud, con una ragazza di 23 anni, che ha tolto la vita ad una donna, perché “ossessionata dall’idea di tentare un omicidio”. Questa la ricostruzione fatta dai media locali.

Ma andiamo con ordine. La giovane si era finta una studentessa delle superiori per entrare nella casa di una insegnante d’inglese ed ucciderla. L’assassinio ha sconvolto l’intera nazione. La ragazza – che come è stato sottolineato – era “ossessionata dall’idea di dover tentare un omicidio”, ha usato una applicazione per la selezione di un’insegnante di lingua inglese, pugnalandola poi a morte nella sua casa e smembrandone il corpo.

Per la giovane i pubblici ministeri avevano chiesto la pena di morte (ancora presente in Corea ma di fatto congelata dal 1997), in base alla premeditazione del delitto. Jung, una ragazza disoccupata e solitaria che viveva con il nonno, aveva contattato più di 50 persone, privilegiando le donne, a cui aveva chiesto se potevano tenere le lezioni a casa.

A maggio, fingendosi la madre di una studentessa delle superiori alla ricerca di ripetizioni, aveva contattato la vittima di 26 anni che viveva a Busan, città portuale nel sud del Paese. Si era poi presentata dalla tutor vestita con un’uniforme scolastica acquistata online, hanno riferito i pubblici ministeri al processo. Entrata nella casa era scattata la furia omicida: oltre 100 pugnalate, secondo il referto dell’autopsia, continuate anche dopo il decesso.

💪 SIAMO ANCHE SU GOOGLE NEWS! Seguici cliccando QUI! 🖋

Aveva poi tagliato il corpo, per poi scaricare parte dei resti in un parco. L’arresto era scattato per la segnalazione del tassista alla polizia su una cliente che aveva gettato nel bosco una valigia intrisa di sangue. Il crimine era stato “accuratamente pianificato ed eseguito, ed è difficile accettare l’ipotesi di disturbi mentali e fisici”, come hanno motivato i giudici del tribunale distrettuale di Busan nel dispositivo di condanna. (foto archivio)

🖋 CONTINUA A LEGGERE su Teleone.it

🟢 LA “CARICA” DEI 400MILA: seguici su FACEBOOK! 📲

🎥 GUARDA TUTTI I VIDEO! – CLICCA QUI 📲

💪 I più cliccati negli ultimi giorni

Advertisement
commerciale teleone it
italpress banner

aereo aeroporto aggressione Agrigento ambulanza arresti arresto ars auto Bagheria calcio caldo Caltanissetta cane carabinieri carcere Castelvetrano Catania cocaina Corini cronaca droga enna feriti ferito gela guardia di finanza immigrazione incendi incendio inchiesta incidente incidente mortale Lampedusa mafia malore maltempo Marsala Messina Messina Denaro meteo meteo sicilia migranti Milano Napoli omicidio oroscopo ospedale Palermo Palermo calcio palermo fc polizia Ponte sullo Stretto Ragusa rapina Regione rissa roma Salvini schifani scuola Serie B sicilia Siracusa social stupro stupro Palermo Termini Imerese terremoto tiktok trapani vetrina video vigili del fuoco Villa Sofia violenza violenza sessuale viral video

Di tendenza