Connect with us

News e Focus

“Ora so chi sei, vi ho beccati”: Annalisa uccisa per gelosia, le chat del compagno

“Vi ho beccati, domani vengo a prenderti”: la donna era “perseguitata” dal compagno. Ecco cosa è emerso sulla notte prima dell’omicidio

Pubblicato

il

La loro relazione era totalmente influenzata dalla gelosia e dalla mania del controllo. E proprio dalla gelosia Agostino Annunziata era letteralmente “accecato”. Prima di uccidere la compagna, Annalisa D’Auria, in una chat Whatsapp, il giovane ha scritto “Vi ho scoperti, vi vengo a beccare“.

Le parole erano state scritte nella chat del gruppo di lavoro della donna. Prima di colpirla con una coltellata mortale alla gola, Agostino Annunziata avrebbe anche tentato di strangolare la sua compagna, l’operatrice scolastica 32enne dell’istituto agrario “Dalmasso” di Pianezza.

Secondo gli investigatori dell’Arma, lo avrebbe fatto probabilmente per farle ammettere la relazione clandestina, così come lui, l’omicida, pensava nell’ultimo periodo.

🟢 LA “CARICA” DEI 400MILA: seguici su FACEBOOK! 📲

Si tratta di quanto emerso da una prima analisi esterna effettuata dal medico legale sul corpo della vittima, secondo quel che è stato riportato dal quotidiano La Stampa. Lì sono state rilevate anche altre lievi ferite provocate dalla lama del coltello da cucina utilizzato per compiere il delitto nell’appartamento di via Monte Bianco a Rivoli (LEGGI), dove vivevano i due con la loro figlia di tre anni.

L’omicidio sarebbe avvenuto tra le 6 e le 7 di sabato mattina, dopo l’ultima lite tra i due, iniziata nel cuore della notte. Annunziata si era convinto che lei lo tradisse, e controllava ogni movimento ed ogni aspetto della quotidianità, dall’abbigliamento ai social al cellulare.

Sembra che Annalisa D’Auria stesse chattando con gli amici per organizzare una cena. Un vero e proprio affronto, secondo il compagno. Che avrebbe anche chiamato uno dei colleghi della trentaduenne: “Bravo, adesso so chi sei, vi ho beccati, domani vengo a prenderti”. E poi, all’una e mezza, come confermato proprio dalle colleghe di Annalisa, avrebbe anche mandato un messaggio sulla loro chat di gruppo: “Domani vengo a scuola e faccio un casino”. Il giorno dopo, tuttavia, a scuola non è più arrivato nessuno. Né Annalisa, né lui.

🖋 CONTINUA A LEGGERE su Teleone.it

🎥 GUARDA TUTTI I VIDEO! – CLICCA QUI 📲

💪 I più cliccati negli ultimi giorni

Advertisement
commerciale teleone it
italpress banner

aereo aeroporto aggressione Agrigento altavilla ambulanza arresti arresto ars auto autostrada Bagheria caldo Caltanissetta cane carabinieri carcere Catania Civico Corini cronaca droga enna Etna feriti ferito gela guardia di finanza immigrazione incendi incendio incidente incidente mortale Lampedusa mafia maltempo Marsala Messina Messina Denaro meteo meteo sicilia migranti Milano Napoli omicidio oroscopo ospedale Palermo Palermo calcio palermo fc polizia Ponte sullo Stretto Ragusa rapina Regione roma Salvini schifani scuola Serie B sesso sicilia Siracusa social stupro stupro Palermo Taormina Termini Imerese terremoto tiktok trapani vetrina video vigili del fuoco Villa Sofia violenza violenza sessuale viral video

Di tendenza