Connect with us

News e Focus

Patrigno non lo riconosce come suo: bimbo frustato e massacrato di botte

Lo salvano le maestre: “Non riusciva a sedersi sul suo banco”

Pubblicato

il

Conoscere l’odio e la più feroce delle violenze a soli 9 anni. E’ la disavventura di un bimbo che, non venendo riconosciuto dal patrigno, un moldavo di 39 anni, finisce per essere massacrato di botte.

Pugni, calci, frustate con la cintura dei pantaloni o con un filo elettrico le terribili vessazioni inflitte al piccolo, attualmente ricoverato nel reparto di Pediatria di Padova dopo che martedì era stato portato d’urgenza all’ospedale Piove di Sacco.

L’incubo si materializza tra giugno e settembre di quest’anno quando l’uomo inzia a pestare il bambino sotto gli occhi della madre sua compagna.

A fare scattare il campanello d’allarme sfociato poi in denuncia la segnalazione delle maestre dopo avere notato la fatica della giovanissima vittima nel sedersi. La prognosi di guarigione al momento è di venti giorni salvo complicazioni di natura psicologica.

Advertisement
commerciale teleone it
italpress banner

aereo aeroporto aggressione Agrigento altavilla ambulanza amore arresti arresto ars auto autostrada Bagheria calcio caldo Caltanissetta cane carabinieri carcere Catania Civico Corini cronaca droga enna feriti ferito gela guardia di finanza immigrazione incendi incendio incidente incidente mortale Lampedusa mafia maltempo Marsala Messina Messina Denaro meteo meteo sicilia migranti Milano Napoli omicidio oroscopo ospedale Palermo Palermo calcio palermo fc polizia Ponte sullo Stretto Ragusa rapina Regione roma Salvini schifani scuola Serie B sesso sicilia Siracusa social stupro stupro Palermo Termini Imerese terremoto tiktok trapani vetrina video vigili del fuoco Villa Sofia violenza violenza sessuale viral video

Di tendenza