Connect with us

Cronaca

Stupro a Palermo, le agghiaccianti chat: “Era svenuta… Troppi cianchi, cumpà”

La decisione del giudice, presa anche dopo avere letto alcuni dei messaggi scambiati con un amico

Pubblicato

il

stupro palermo violenza

La decisione di rimandare in carcere il ragazzino di 17 anni (divenuto ora maggiorenne) dopo la violenza sessuale di gruppo del 7 luglio a Palermo, è stata presa dal giudice (LEGGI) dopo avere letto alcuni dei messaggi scambiati con un amico. E poi, anche alcuni post sul proprio profilo Tiktok.

LEGGI ANCHE: “Emersi fatti nuovi”: stupro Palermo, torna in carcere anche il ragazzo minorenne

Nella stessa notte dello stupro, il minorenne – di oggi la decisione dell’aggravamento della misura cautelare – parlava con un amico, spiegando per filo e per segno, e senza particolari allusioni, quel che era accaduto con la ragazza vittima di violenza.

Le frasi emerse quest’oggi sono a dir poco agghiaccianti. “Lei si è sentita male – scriveva il minorenne – ed è svenuta più di una volta, troppi cianchi (troppe risate, ndr) cumpà. Troppo forte”. (continua sotto)

🟢 LA “CARICA” DEI 400MILA: seguici su FACEBOOK! 📲

E poi, ancora: “Manco a canuscievo (non la conoscevo), siamo stati con lei in sette”. Dopo la decisione del collocamento in comunità, invece, il ragazzino pubblicava sui social (Tiktok) alcune immagini, scrivendo anche frasi come: “Chi si mette contro di me si mette contro la morte“, “le cose belle si fanno con gli amici”, o, ancora, “sto ricevendo tanti messaggi in privato da ragazze, ma come faccio a uscire con voi, siete troppe“.

Fra le tante frasi, poi, anche: “ah volevo ringraziare a chi di continuo dice il mio nome, mi state facendo solo pubblicità e hype. Arriviamo a 1000 follower così potrò fare la live e spiegarvi com’è andata realmente”.

🖋 CONTINUA A LEGGERE su Teleone.it

🎥 GUARDA TUTTI I VIDEO! – CLICCA QUI 📲

💪 I più cliccati negli ultimi giorni

Advertisement
commerciale teleone it
italpress banner

aereo aeroporto aggressione Agrigento altavilla ambulanza arresti arresto ars auto autostrada Bagheria caldo Caltanissetta cane carabinieri carcere Catania Civico Corini cronaca droga enna Etna feriti ferito gela guardia di finanza immigrazione incendi incendio incidente incidente mortale Lampedusa mafia maltempo Marsala Messina Messina Denaro meteo meteo sicilia migranti Milano Napoli omicidio oroscopo ospedale Palermo Palermo calcio palermo fc polizia Ponte sullo Stretto Ragusa rapina Regione roma Salvini schifani scuola Serie B sesso sicilia Siracusa social stupro stupro Palermo Taormina Termini Imerese terremoto tiktok trapani vetrina video vigili del fuoco Villa Sofia violenza violenza sessuale viral video

Di tendenza