Connect with us

Cronaca

Disabile abbandonato, senza assistenza e con uno sfratto esecutivo: “Non mi resta che morire” – VID

La drammatica storia di Cosimo Pone, 62enne che vive a Monreale, in provincia di Palermo: senza assistenza e lasciato solo, a breve sarà anche sfrattato

Pubblicato

il

Abbandonato, senza assistenza e con uno sfratto esecutivo. Questa è la drammatica storia di Cosimo Pone, 62enne che vive a Monreale, in provincia di Palermo.

A Cosimo, di origini pugliesi, nel 2018 viene amputata la gamba dopo un intervento chirurgico all’Ospedale Civico di Palermo. In un’intervista alla nostra testata giornalistica Teleone, racconta le sue disavventure ospedaliere e le denunce mediatiche avanzate per aver contratto anche un batterio da sala operatoria. Ex perito agrario, Cosimo fa fatica a parlare tra un colpo di tosse e respiri profondi. Ha un enfisema polmonare, diabetico, cardiopatico, senza una gamba, destinato a rimanere a letto per il resto della sua vita.

Non solo i dolori fisici accompagnano la vita di Cosimo, con la morte della moglie a maggio scorso e otto mesi dopo anche la morte del figlio, malato di fibrosi cistica con trapianto bipolmonare, sopravvive in una condizione di abbandono, povertà e solitudine. Tiene le ceneri della moglie e del figlio sul comodino tra le medicine e le foto di qualche santo. Per sentirsi meno solo dialoga con il loro ricordo, così le sue giornate diventano più sopportabili. Anche l’altro figlio, Angelo, anche lui è malato di cuore, ha lasciato le scuole fermandosi alla terza media per assistere suo padre, sua madre e suo fratello, tutti e tre con gravi patologie, nonostante i suoi problemi cardiologici.

🟢 LA “CARICA” DEI 400MILA: seguici su FACEBOOK! 📲

Alle numerose richieste di aiuto, Cosimo, ha quasi sempre trovato dall’altra parte un silenzio assordante. Racconta di aver bussato alla porta di numerose associazioni, persino una suora non ha accolto la richiesta di aiuto della famiglia Pone. Così per un periodo della loro vita, si sono ritrovati a bivaccare nel pronto soccorso dell’ospedale, non avendo più risorse economiche per le eccessive spese sostenute per le malattie di tutta la famiglia. Denuncia nella lunga intervista rilasciata a Teleone, l’inefficacia dei servizi sociali di Monreale, che a loro volta, lamentano la scarsa collaborazione di Cosimo nel produrre la documentazione necessaria per accedere ad alcuni servizi. Quando la burocrazia rende difficile la vita delle persone, allora forse sarebbe il caso di alzare lo sguardo oltre i fogli protocollati e guardare negli occhi le persone, per capirne le reali esigenze.

Cosimo non può neanche usare il trasporto pubblico, perché come lui stesso dichiara, la maggior parte degli autobus sui quali ha tentato di salire erano sprovvisti di pedane per disabili, funzionanti. Così è costretto a chiamare un servizio privato, per recarsi in ospedale per le visite necessarie, per andare in posta a ritirare la pensione o per qualsiasi necessità (anche per produrre la documentazione tanto richiesta dai servizi sociali), e trentacinque euro l’ora non sono sostenibili per le sue condizioni economiche. Ha uno sfratto esecutivo in corso, e fra qualche giorno sarà costretto a lasciare la casa in cui vive con il figlio Angelo.

“Mi sento sporco dalla testa ai piedi, i servizi sociali non mi mandano più neanche l’Oss, che veniva quantomeno a pulirmi, non ho nessuno, non ho soldi, non ho da mangiare, non ho una casa, non mi resta che morire. Come faccio a lasciare mio figlio da solo nelle sue condizioni? – continua – salvate almeno mio figlio, la mia vita è finita”.

VIDEO – L’INTERVISTA INTEGRALE esclusiva del 5 aprile

🖋 CONTINUA A LEGGERE su teleone.it

🎥 GUARDA TUTTI I VIDEO! – CLICCA QUI 📲

💪 I più cliccati negli ultimi giorni

Appartati a far sesso durante il Mondiale di Rally: finisce tutto in diretta tv – il VIDEO

In autostrada col monopattino: incidente a Palermo, donna soccorsa dal 118

Catania, trova anello di diamanti… e lo regala alla moglie: scatta la denuncia

Colpito da una bara al cimitero: drammatico incidente, 48enne in gravi condizioni a Palermo

“Aiuto, sta morendo”: papà disperato per strada a Palermo, in salvo bimbo di 7 giorni

Le cade lo smartphone nella vasca, Maria Antonietta muore folgorata a 16 anni

Bimbo nasce con due peni funzionanti, i medici li lasciano: “Una possibilità su sei milioni”

Advertisement
commerciale teleone it
italpress banner

aereo aeroporto aggressione Agrigento altavilla ambulanza arresti arresto ars auto autostrada Bagheria caldo Caltanissetta cane carabinieri carcere Catania Civico Corini cronaca droga enna Etna feriti ferito gela guardia di finanza immigrazione incendi incendio incidente incidente mortale Lampedusa mafia maltempo Marsala Messina Messina Denaro meteo meteo sicilia migranti Milano Napoli omicidio oroscopo ospedale Palermo Palermo calcio palermo fc polizia Ponte sullo Stretto Ragusa rapina Regione roma Salvini schifani scuola Serie B sesso sicilia Siracusa social stupro stupro Palermo Taormina Termini Imerese terremoto tiktok trapani vetrina video vigili del fuoco Villa Sofia violenza violenza sessuale viral video

Di tendenza