Connect with us

Cronaca

“Subivamo ritorsioni, costretti a dichiarare il falso”: preside arrestata allo Zen, il racconto

“Ci costrinse a dichiarare il falso. Gli insegnanti che non stavano con lei, subivano ritorsioni”: preside arrestata allo Zen, il racconto

Pubblicato

il

“Esiste una sorta di circuito consolidato secondo il quale se si rientra nelle grazie della preside si ha vita facile all’interno della scuola, altrimenti si vivono ritorsioni che rendono all’interno del plesso la vita molto difficile”.

Queste le parole con cui si apre il verbale della docente della scuola “Falcone”, nel quartiere Zen a Palermo, che ha fatto partire la denuncia per la gestione illegale dei progetti europei, da parte della preside. Daniela Lo Verde è stata arrestata venerdì scorso, accusata di corruzione e peculato (LEGGI).

“Una volta – si legge nel verbale dell’insegnante – ho denunciato unitamente a una collega il non rispetto delle normative Covid a due quotidiani online e subito dopo è stato indetto un collegio docenti in urgenza in cui la preside stessa chiedeva a tutti i docenti di smentire le nostre dichiarazioni sebbene io avessi delle prove fatte di video e fotografie”.

🟢 SIAMO QUASI 400MILA: SEGUICI SU FACEBOOK! – CLICCA QUI 🟢

Dalla denuncia, che è riportata da ansa.it, s’è dato il “via” alle indagini. Queste hanno successivamente svelato come la preside dell’istituto si appropriasse del cibo della mensa e degli strumenti elettronici, come smartphone o iPad che erano stati assegnati ai ragazzi ed acquistati con i fondi dell’Unione europea. Nel documento si descrive il “clima” a scuola. Una scuola che, per anni (LEGGI), era stata rappresentata come “modello di educazione alla legalità”.

🎥 GUARDA TUTTI I VIDEO! – CLICCA QUI 📲

“Tutto questo creava nella scuola – si legge nell’esposto della docente, poi trasferita in un’altra scuola – un clima di pressione a seguito del quale nessuno dei docenti contrastava la preside nelle sue decisioni. Il mancato rispetto delle regole all’interno della scuola Falcone è una cosa ricorrente che spazia dalle questioni giornaliere come la gestione degli alunni – ha raccontato l’insegnante ai carabinieri e ai pm – e della didattica alla gestione dei progetti finanziati dall’Unione Europea”.

💪 I più cliccati negli ultimi giorni

Advertisement
commerciale teleone it
italpress banner

aereo aeroporto aggressione Agrigento altavilla ambulanza arresti arresto ars auto autostrada Bagheria caldo Caltanissetta cane carabinieri carcere Catania Civico Corini cronaca droga enna Etna feriti ferito gela guardia di finanza immigrazione incendi incendio incidente incidente mortale Lampedusa mafia maltempo Marsala Messina Messina Denaro meteo meteo sicilia migranti Milano Napoli omicidio oroscopo ospedale Palermo Palermo calcio palermo fc polizia Ponte sullo Stretto Ragusa rapina Regione roma Salvini schifani scuola Serie B sesso sicilia Siracusa social stupro stupro Palermo Taormina Termini Imerese terremoto tiktok trapani vetrina video vigili del fuoco Villa Sofia violenza violenza sessuale viral video

Di tendenza