Connect with us

Cronaca

Preside arrestata, firme false degli alunni e quella paura: “Me ne vado in carcere…”

“Me ne vado in carcere, il carcere c’è…”. Preside arrestata a Palermo, le firme degli alunni per ottenere fondi, e le intercettazioni

Pubblicato

il

Dalle intercettazioni legate all’indagine che ha portato all’arresto questa mattina della preside della scuola Falcone dello Zen di Palermo, Daniela Lo Verde, accusata di corruzione e peculato, emergono anche i timori della dirigente scolastica per delle firme false apposte nei registri di presenza dei corsi, che di fatto erano frequentati invece da “alunni fantasma”, indispensabili per ottenere l’erogazione dei fondi europei.

La preside Lo Verde, nota per le sue posizioni improntate all’antimafia e alla legalità, aveva invece piena contezza del fatto che i progetti Pon, con fondi UE, venissero condotti in modo assolutamente irregolare apponendo “firme farlocche”.

LEGGI ANCHE: Palermo, la “preside antimafia” dello Zen arrestata per corruzione e peculato
IL VIDEO. Corruzione, arresto allo Zen: Palermo, il vicepreside porta via il PC – VIDEO

Lo testimonia un’intercettazione del 13 settembre scorso tra la preside e il vicepreside Daniele Agosta, anch’egli sotto indagine, nella quale si discute della “evidente difformità tra le reali firme degli alunni e quelle riportate sui fogli presenza e verosimilmente apposte dai docenti”: “No, parliamo seriamente… allora questo é il primo foglio firma, ok? Questo lo posso accettare, va bene, pure questo lo posso accettare… ma questo capisci bene che non lo posso accettare più, guarda“.

Parole che secondo gli inquirenti testimoniano la sistematicità delle azioni fraudolente, tanto da indispettire la preside per la poca attenzione riposta dai docenti nel riprodurre le firme degli alunni.

🟢 SIAMO QUASI 400MILA: SEGUICI SU FACEBOOK! – CLICCA QUI 🟢

Compito che talvolta spettava ad Agosta, come rivela Lo Verde: “Se non ricordo male quando tu facevi queste cose ci impiegavi una mattinata”. In seguito, Lo Verde apprende della richiesta di una proroga di indagini preliminari nei confronti di una docente, mentre nei confronti della preside non era arrivata alcuna notifica.

A quel punto, dalle intercettazioni emerge la paura della Lo Verde di finire in carcere per la vicenda delle firme false di alunni che non avevano mai partecipato ai corsi: “Me ne vado in carcere, il carcere c’è… Come io che c’entro? Loro non avevano bambini… E tu c’eri, perché tu eri il referente di questo progetto…”, dice al vice Agosta. (Italpress)

💪 I più cliccati negli ultimi giorni

Advertisement
commerciale teleone it
italpress banner

aereo aeroporto aggressione Agrigento altavilla ambulanza arresti arresto ars auto autostrada Bagheria calcio caldo Caltanissetta cane carabinieri carcere Catania Civico Corini cronaca droga enna feriti ferito gela guardia di finanza immigrazione incendi incendio incidente incidente mortale Lampedusa mafia maltempo Marsala Messina Messina Denaro meteo meteo sicilia migranti Milano Napoli omicidio oroscopo ospedale Palermo Palermo calcio palermo fc polizia Ponte sullo Stretto Ragusa rapina Regione roma Salvini schifani scuola Serie B sesso sicilia Siracusa social stupro stupro Palermo Taormina Termini Imerese terremoto tiktok trapani vetrina video vigili del fuoco Villa Sofia violenza violenza sessuale viral video

Di tendenza