Connect with us

Cronaca

Rabbia a Scordia per il cane Leo, morto avvelenato: la denuncia e l’appello

C’è rabbia, a Scordia, per la morte del cane di quartiere Leo, benvoluto da tutti ma avvelenato: la denuncia in Procura

Pubblicato

il

Si chiamava Leo, era benvoluto da tutti ed era ormai diventato il cagnolino “di quartiere”. Aveva due anni, ma a Scordia è arrivata la notizia che ha rattristito un po’ tutti: l’animale è stato trovato morto, probabilmente avvelenato.

La segnalazione, nella cittadina in provincia di Catania, è arrivata dal Partito animalista italiano, che, successivamente, ha anche presentato una denuncia in Procura. Il cane viveva nei pressi di un supermercato del paese, era in attesa di adozione e veniva curato ed accudito dai volontari.

“Ci tocca commentare un altro caso di avvelenamento. Siamo davvero stanchi di questo clima di odio verso gli animali indifesi – ha detto il dirigente regionale del Partito Animalista Italiano Patrick Battipaglia – ci rivolgiamo alle autorità per aiutarci a trovare il volto di chi si è macchiato di un gesto così meschino e atroce. Anche attraverso le videocamere di sorveglianza della zona”.

L’uccisione di animali è punita dalla legge e l’autore rischia una pena da 3 mesi a 18 mesi di reclusione o una sanzione amministrativa da 5.000 euro a 30.000 euro.

“Rivolgiamo un appello agli abitanti della zona – conclude Battipaglia – a darci qualsiasi informazione, anche in forma anonima, al numero telefonico 3471440434 affinché si riesca a scovare l’autore di questa terribile uccisione”

Advertisement
commerciale teleone it
italpress banner

aereo aeroporto aggressione Agrigento altavilla ambulanza arresti arresto ars auto autostrada Bagheria caldo Caltanissetta cane carabinieri carcere Catania Civico Corini cronaca droga enna Etna feriti ferito gela guardia di finanza immigrazione incendi incendio incidente incidente mortale Lampedusa mafia maltempo Marsala Messina Messina Denaro meteo meteo sicilia migranti Milano Napoli omicidio oroscopo ospedale Palermo Palermo calcio palermo fc polizia Ponte sullo Stretto Ragusa rapina Regione roma Salvini schifani scuola Serie B sesso sicilia Siracusa social stupro stupro Palermo Taormina Termini Imerese terremoto tiktok trapani vetrina video vigili del fuoco Villa Sofia violenza violenza sessuale viral video

Di tendenza