Connect with us

News e Focus

I pediatri italiani lanciano l’allerta: “Troppe foto sui social, ecco i rischi per i bimbi”

Il fenomeno dello “sharenting”: troppe foto dei bimbi o ragazzini minorenni sul web, in aumento i rischi per i piccoli

Pubblicato

il

I pediatri italiani, adesso, lanciano l’allarme. Secondo le ultime stime, sono trecento le foto pubblicate, che ritraggono i bambini, ogni anno. Quasi mille già prima del quinto compleanno. E a questi si aggiungono quelli che vengono “pubblicati” ancora prima… di venire al mondo. Ovvero, i piccoli che sono nelle ecografie postate dai genitori.

Numeri enormi, dunque, quelli dello “sharenting”, ossia la tendenza di pubblicare online immagini dei figli minorenni. Cifre che dovrebbero, secondo i pediatri, fare paura. L’allerta è stata lanciata dalla Società italiana di pediatria. I dati sono frutto di uno studio europeo che ha fatto i “conti” sui social di mamma e papà. Nel 54% dei casi le foto dei figli vengono pubblicate su Facebook. Seguono, con il 16%, Instagram e, con il 12%, Twitter.

In diversi dei casi in esame, le foto sono anche accompagnate da nome, età o altri dettagli. Quella che sembra l’innocua condivisione di un momento felice, dunque, da parte dei genitori, senza saperlo potrebbe “mettere a rischio i propri bambini”.

Si parla di rischi che vanno dal possibile furto d’identità alla pedopornografia. Lo scorso novembre, nel nostro Paese, la Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza Carla Garlatti ha sollecitato per lo sharenting l’applicabilità delle disposizioni per il cyberbullismo, che consentono ai minori di chiedere la rimozione di quanto pubblicato. E in Francia, intanto, si discute una proposta di legge per limitare la condivisione di foto dei figli online.

“Sul web la memoria è praticamente incancellabile. Mettere foto dei figli online, dunque, senza il loro consenso, è una palese violazione dei loro diritti fondamentali e rappresenta una visione genitoriale ancora “proprietaria”, che non è non accettabile – spiega l’avvocata Andrea Catizone, specializzata in diritto di famiglia, della persona e dei minori – i minorenni hanno uno statuto giuridico autonomo”.

Uno studio che ha come primo autore Pietro Ferrara, responsabile del Gruppo di Studio per i diritti del bambino della Sip, in via di pubblicazione sul Journal of Pediatrics, l’81% dei bimbi che vivono nei Paesi occidentali, è presente online prima dei due anni di età.

Negli Stati Uniti, il dato sale al 92%. In Europa, scende al 73%. A poche settimane di vita, il 33% dei bimbi ha foto online. Ed è ben un quarto dei minori, stando alle stime, ad essere “presente” online prima di venire al mondo. Negli States, il 34% dei genitori pubblica in Rete le ecografie.

In Italia lo fa il 15%. Il rischio c’è e, letteralmente, si vede. Condividere immagini, video e quant’altro compone un “dossier digitale” del bambino, con ciò che questo comporta.

“Le immagini possono essere rubate e possono essere usate per fini illegali e di sfruttamento pornografico sessuale – commenta Catizone – bisogna fare formazione, in tal senso, sulla potenza del web. Servirebbero disposizioni condivise a livello europeo, data la transnazionalità del web”.

Advertisement
commerciale teleone it
italpress banner

aereo aeroporto aggressione Agrigento altavilla ambulanza amore arresti arresto ars auto autostrada Bagheria caldo Caltanissetta cane carabinieri carcere Catania Corini cronaca droga enna feriti ferito gela guardia di finanza immigrazione incendi incendio incidente incidente mortale indagini Lampedusa mafia maltempo Marsala Messina Messina Denaro meteo meteo sicilia migranti Milano Napoli omicidio oroscopo ospedale Palermo Palermo calcio palermo fc polizia Ponte sullo Stretto Ragusa rapina Regione roma Salvini schifani scuola Serie B sesso sicilia Siracusa social stupro stupro Palermo Taormina Termini Imerese terremoto tiktok trapani vetrina video vigili del fuoco Villa Sofia violenza violenza sessuale viral video

Di tendenza