Connect with us

Cronaca

Sanità in Sicilia, esposto Codacons a Procure contro le liste d’attesa

Esposto Codacons alle Procure siciliane contro liste d’attesa nelle strutture sanitarie

Pubblicato

il

“Contro le liste d’attesa insostenibili presso le strutture sanitarie pubbliche della Sicilia” il Codacons annuncia un esposto sia alla Corte dei Conti, che alle Procure della Repubblica dell’isola: Catania, Palermo, Caltanissetta, Enna, Agrigento, Siracusa, Ragusa, Messina e Trapani.

“Alla Corte dei Conti – spiega l’avvocato Carmelo Sardella, dirigente dell’Ufficio Legale Regionale Codacons – verrà chiesto di valutare in che modo vengono spesi i fondi destinati alla sanità siciliana, e di verificare eventuali Illegittime attribuzione di incarichi di consulenza, o illecite percezione di emolumenti in violazione del principio di esclusività della prestazione lavorativa a favore dell’ente pubblico, ed ancora eventuali acquisizioni di beni e servizi da parte delle ASP, in violazione delle norme che vietano di suddividere, artificiosamente, i contratti di fornitura di beni e servizi, ovvero possibili acquisti di materiale informatico rimasto inutilizzato ed anche ipotesi di irregolari inquadramenti di personale”.

“Queste e altre tipologie di danno – prosegue – potranno essere individuate dalla magistratura contabile. Ma il Codacons depositerà anche un esposto alle Procure siciliane, chiedendo ai magistrati di aprire una indagine per le possibili fattispecie di interruzione di pubblico servizio e omissioni di atti d’ufficio”.

“La sanità in Sicilia è oramai allo sbando – dichiara l’avvocato Giovanni Petrone, presidente regionale Codacons – non passa giorno senza che le cronache locali raccontino casi in cui ai cittadini vengono fissate visite mediche ed esami a distanza di mesi se non anni, ritardi che costringono gli utenti e rivolgersi alle strutture private pagando di tasca propria le prestazioni”.

“Una situazione oramai insostenibile” che porta il Codacons a rivolgersi ai magistrati chiedendo “di indagare sul territorio nei confronti della Regione e delle aziende sanitarie pubbliche, per accertare i motivi dei lunghi tempi di attesa e le relative responsabilità”.

L’associazione rivolge, poi, un appello al Governo Meloni, affinché intervenga per “salvare i cittadini dell’isola, commissariando la sanità siciliana e gestendo il servizio sanitario regionale a livello statale, unica possibilità per ottenere standard più vicini a quelli delle altre regioni italiane”. (Italpress)

Advertisement
commerciale teleone it
italpress banner

aereo aeroporto aggressione Agrigento altavilla ambulanza amore arresti arresto ars auto autostrada Bagheria caldo Caltanissetta cane carabinieri carcere Catania Corini cronaca droga enna feriti ferito gela guardia di finanza immigrazione incendi incendio incidente incidente mortale indagini Lampedusa mafia maltempo Marsala Messina Messina Denaro meteo meteo sicilia migranti Milano Napoli omicidio oroscopo ospedale Palermo Palermo calcio palermo fc polizia Ponte sullo Stretto Ragusa rapina Regione roma Salvini schifani scuola Serie B sesso sicilia Siracusa social stupro stupro Palermo Taormina Termini Imerese terremoto tiktok trapani vetrina video vigili del fuoco Villa Sofia violenza violenza sessuale viral video

Di tendenza